Come Motivarsi in Modo Estremo ed Ottenere i Propri Obiettivi

In quest’articolo voglio parlare di come motivarsi in modo estremo ed ottenere i propri obiettivi.
Voglio raccontare cosa succede precisamente nella mia testa, che mi porta ad essere e restare determinato anche quando niente sembra andare per il verso giusto.

come motivarsi

E’ dura per tutti
Anche per me, a volte, è difficile non solo motivarmi ma anche restare motivato. E’ normale. Può capitare a chiunque di perdere fiducia in sé stesso, soprattutto se ha provato in ogni modo a raggiungere un obiettivo senza però riuscirci. Oppure, se è stato deluso da qualcosa o da qualcuno e non vuole più ricadere in quella sensazione e in quei sentimenti negativi che lo fanno stare male.

Quando succede, finiamo giustamente per arrabbiarci e diamo la colpa a tutto ciò che ci capita: magari, viviamo in un ambiente che ci distrae e non ci permette di focalizzarci al meglio, oppure abbiamo tanti problemi per la testa e non riusciamo a gestire troppe cose contemporaneamente.

Riposo vs Comfort
Come già detto, tutto questo accade spesso anche a me. Tuttavia, quando qualcosa mi interessa davvero, noto una strana dinamica che si ripete ciclicamente: se prendo un’iniziativa e non ottengo i risultati che voglio, ci riprovo ancora, ancora, ancora e ancora. Ad un certo punto, però, al minimo obiettivo raggiunto mi siedo sugli allori accontentandomi. Ogni tanto va bene riposarsi, sia chiaro. Anzi, bisogna riposarsi!

Diciamo che dovrebbe esserci il giusto equilibrio tra azione e riposo, altrimenti si rischia di super affaticarsi e di non avere le energie sufficienti per lavorarci correttamente. Ma se non siamo stanchi, e sappiamo di aver ottenuto qualcosa ma di poter fare molto di più, perché ci riposiamo? La risposta è che preferiamo il comfort al lavoro duro.

Quanto è importante per te?
Sono sempre stato una persona molto determinata, e questo mi avvantaggia. Tuttavia, negli ultimi anni ho notato un’altra cosa strana: quasi mi sento male se non ottengo ciò che voglio, tanto che lo desidero ardemente. E prima di ottenere qualsiasi obiettivo è come se lo visualizzassi. Addirittura, lo sogno la notte. Questo accade quando, come dicevo, qualcosa per me è troppo importante: il piacere che provo all’idea di ottenerla è molto più grande del dolore che provo nel lavorarci duramente. E quindi lo faccio.

Morale della favola: se qualcosa è davvero importante per te, affronti le pene dell’inferno pur di averla.
Quindi ti chiedo: è davvero così importante per te?

Concentrazione esclusiva
Secondo me, una delle migliori strategie per ottenere qualsiasi cosa nella vita è focalizzarsi esclusivamente su di essa. Quando sollevavo pesi e il mio obiettivo era migliorare il massimale di squat o di stacco, potevo riuscirci anche in breve tempo concentrandomi solo su quell’alzata. Ho fatto cicli di allenamento in cui mi concentravo esclusivamente sull’alzata che volevo migliorare.

Ogni allenamento era rivolto solo su quel singolo esercizio, allo scopo appunto di migliorarne la padronanza. Per molte persone potrebbe risultare noioso, senza contare che potrebbe essere eccessivo l’affaticamento dei muscoli coinvolti nello squat o nello stacco (quasi tutti, del resto 😀 ) quando allenati con troppa frequenza.

Ovviamente, una persona deve essere sufficientemente allenata perché questo problema non si presenti, oltre ad essere competente abbastanza da saper gestire in modo intelligente l’intensità e il volume degli allenamenti. Analogamente, se vuoi davvero diventare più bravo ad approcciare le ragazze, puoi uscire e approcciarle tutti i giorni. Ma sarebbe una cosa intelligente sempre gestire questo tempo, magari alternando dei giorni in cui approcci tanto e dei giorni in cui approcci poco.

Ossessione
Come credi che facciano i campioni olimpici a superare continuamente sé stessi, e ad essere atleti sempre più bravi nel tempo? Queste persone sono ossessionate dal proprio sogno, ed hanno una fame di vincere senza pari. E’ per questo motivo che si allenano ogni giorno (oltre al fatto che ci hanno dedicato la propria vita, ma vabbè) Anche se allenarsi può essere piacevole (l’allenamento rilascia endorfine, che danno appunto una sensazione di benessere) sostanzialmente a nessuno piace farsi un culo quadrato per qualcosa che FORSE avrà in futuro, magari anche in un futuro molto lontano.

Tuttavia, la visione di un futuro migliore ci spinge ad agire e ad accettare condizioni anche precarie se però ciò significa che staremo meglio. Lo stesso Mohammed Ali disse: “Ho odiato ogni singolo minuto di allenamento, ma mi sono detto: non mollare. Soffri ora e vivi il resto della tua vita come un campione

mohammed ali

Il lato negativo
C’è un lato negativo in tutto ciò, quindi ti consiglio di stare molto attento. Se parliamo di qualcosa di estremo, è chiaro ci saranno anche lati negativi: sarà molto semplice finire in depressione, soprattutto se sei molto giovane ed hai poca esperienza. In alcune circostanze, mi capita di vivere una specie di periodi “morti“, in cui quasi vado in depressione perché non ho ottenuto qualcosa. Faccio cose molto strane, richiudendomi completamente nel mio guscio, come restare nella mia stanza per tantissimo tempo, passare la giornata nel letto a lavorare al pc, senza fare assolutamente null’altro.

Quando ero a Valencia, mi è capitato di non mangiare nulla per più di 24 ore. La cosa ancora più strana è che nemmeno sentivo il bisogno di mangiare, e al termine di questo “digiuno” nemmeno avevo fame. Sarei potuto andare ancora avanti, ma poiché mi conosco (normalmente, ho molto appetito) e poiché non era salutare, mi sono precipitato a mangiare abbondantemente appena portato a termine il mio lavoro.

Reagire
Questi periodi “morti” si concludono quando arrivo a farmi così tanto schifo che sento il bisogno irrefrenabile di reagire, e lo faccio nel modo più potente che posso. Quando mi è capitato a Valencia, infatti, ci ho dato dentro così velocemente che sono riuscito subito ad uscire con due ragazze, portandomene anche una a casa. E la settimana prima nemmeno le conoscevo.

Questo mio modo di fare particolare è una specie di “mettermi nei guai” da solo, che però non faccio di proposito.. Altrimenti eviterei, perché non è affatto salutare. Nella mia mente, però, esattamente come Mohammed Ali (nel mio piccolo 😀 ), sento che sacrificare alcune cose oggi sia necessario per me, e che in futuro ne sarà valsa la pena.

Quindi consiglio anche a te di darci dentro il più possibile per realizzare i tuoi obiettivi, soprattutto quelli che reputi più importanti. Però, allo stesso tempo, ti consiglio di stare attento cercando di minimizzare il lato negativo. Soprattutto se sei molto giovane e con poca esperienza, perché una stronzata fatta senza esperienza può rivelarsi disastrosa a paragone di un’altra fatta con criterio e all’interno di un contesto.

Mi raccomando.

Ok, grazie mille per aver letto il mio articolo!

Vuoi restare in contatto con me ed altri ragazzi appassionati di seduzione? Allora entra nel gruppo Facebook, oppure nel gruppo Telegram. E mi trovi anche su Instagram 🙂

Se vuoi essere avvisato quando pubblico nuovi contenuti, iscriviti alla newsletter.